Api e cambiamento climatico

Marzo 23, 2021 Always Ithaka No comments exist
0 Condivisioni
api e cambiamento climatico

Esiste un prodotto, una piccola fiala, contenente un liquido zuccherino per soccorrere le api stanche a causa dei sempre più lunghi voli. Grande come un dito mignolo la filetta di Beevive pende dal mio portafogli come un monito, mi ricorda, ogni giorno, che anche le Api stanno affrontando la crisi climatica, ma soprattutto, che stanno perdendo la sfida. La prima volta che ho trovato un’ape moribonda, mi sono sentita in colpa perché se si fosse trattato di un qualsiasi altro animale credo che avrei avuto una vaga idea di cosa fare. Se fosse stato un cane o un altro animale domestico avrei saputo quale numero digitare, nel caso si fosse trattato di un animale selvatico avrei contattato un’associazione specifica, nel caso di avifauna avrei avuto il giusto recapito salvato nella rubrica, ma chi si può chiamare quando si trova un’ape che muove a stento qualche passo trascinandosi a fatica? Come si fa a darle calore senza spaventarla al punto da spingerla a quell’ultimo gesto difensivo e suicida: la puntura? Come si salva un’ape?

Come si salva un’ape?

Questa domanda mi ha rimbalzato nella testa per i giorni seguenti, fino a che non ho compreso che quando si parla di api non esiste il singolare. L’ape è un insetto plurale che prospera nel suo ordinatissimo gruppo, che interagisce, comunica e si addormenta adagiata ai petali di fiori mentre è in giro con la sua squadra di impollinatori. È un animale goffo, dalle forme buffe e rotonde, rese dolci da quella sottile peluria spesso ricoperta di polveroso polline dorato. Eppure le api sono estremamente precise, puntuali ed ordinate. Seguono una gerarchia piramidale, omaggiano la loro regina, producono nettare e sanno disegnare esagoni perfetti nei lorLe api hanno una loro cultura, se la tramandano di nascita in nascita portando avanti la danza della vita su questo pianeta, ape dopo ape.

L’Ape e le Api sono qualcosa di estremamente complesso, un’entità collettiva e dinamica ed estremamente delicata, fortemente connessa alla salute del loro ambiente che, a sua volta, dipende da loro. Le api hanno con la terra una relazione privilegiata ed unita, di mutuo sostegno. Infatti gli esseri umani, ricercatori, preoccupati dalla china drammatica verso cui il nostro clima ha cominciato rapidamente a scivolare, hanno presto iniziato a guardare questi insetti come unità di misura della salute del nostro ambiente.

Api e cambiamento climatico

Monitorando le api sono diventati presto in grado di valutare il livello di degrado del pianeta. Le Api, infatti, stanno sparendo e, come loro, molti altri insetti impollinatori.  Le cause principali di questo crollo nel numero di esemplari e colonie è da rintracciarsi in più fattori, tutti concause del cambiamento climatico che, come un leviatano è diventato esso stesso una minaccia all’esistenza degli insetti impollinatori.

L’inquinamento ha un effetto diretto sulla salute e quindi sulla presenza degli insetti impollinatori, infatti l’aumento diffuso delle temperature, le irregolarità repentine nei cambi stagionali, con annessa confusione di bioritmi inter e intraspecifici, e la presenza sempre maggiore di eventi meteorologici drastici non fanno che ridurne le popolazioni. o nidi, dei condomini ronzanti e vibranti di vita.

Secondo Sacha Vignieri, editore per Science, le api, a differenza di altre specie non si adattano in fretta ai cambiamenti climatici e quindi non riescono a superare i disagi da essi generati. Le api stanno letteralmente perdendo terreno a causa della deforestazione e del repentino cambiamento degli habitat una volta adatti ad ospitare le colonie di api.

Nel 2014 le stime indicavano la perdita di ben 10 milioni di alveari imputabile al “colony collapse disorder”, una sindrome che colpisce l’intero alveare distruggendone equilibrio e di cui ancora si sa ben poco. Lo smog e il deterioramento della qualità dell’aria hanno un effetto diretto sulla vita delle api inficiandone la capacità di seguire l’olfatto per rintracciare i fiori e compromettendone l’integrità fisica intaccandone il ritmo cardiaco, la conta di cellule sanguigne, il sistema immunitario, il metabolismo e causando loro uno stress tale da incidere sull’istinto di sopravvivenza.

Inoltre, come riporta l’ISPRA: ”l’uso diffuso e inarrestabile dei pesticidi sintetici rappresenta uno dei principali fattori di decremento delle popolazioni e di perdita di biodiversità degli insetti pronubi negli ultimi tempi.”

Secondo le stime in media circa l’87,5% della vegetazione selvatica mondiale dipende direttamente per la riproduzione sessuale dagli insetti impollinatori, con un picco del 94% nelle zone temperate e un minimo del 78% in quelle temperate. Le api non esistono solo allo stato brado, anzi sono specificatamente allevate per impollinare le piantagioni e quindi garantire il raccolto, tant’è che la produzione agricola, che ha registrato un aumento del 30% negli ultimi 50 anni grazie all’impiego degli insetti impollinatori, dipende per il 78% dall’impollinazione animale, in in Europa l’80%, per un valore di produzione totale pari a 260 miliardi di euro.

La salvezza delle api

Ne “La Storia delle Api”, Maya Lunde, intreccia tre narrazioni per mostrare l’inizio della relazione delle api con l’uomo, la progressiva sparizione e un futuro non troppo lontano in cui l’impollinazione dovrà essere fatta manualmente da esseri umani schiavizzati per garantire la riuscita dei raccolti e quindi la produzione di cibo. Rigirando la mia boccetta di Beevive, mi chiedo se davvero ci sarà una porzione di mondo, di cui ovviamente sentiremo parlare poco, che passerà le sue giornate con un batuffolo di piume sintetiche o pennellini minuscoli stretti tra le dita, mescolando i pollini mentre il sole cuoce loro la pelle e lo spirito. Per salvare le api non saranno certo sufficienti queste fiale, anzi, so che sono praticamente inutili se non per offrire un supporto temporaneo, una cura palliativa infinitesimale nella sofferenza di un crollo di sistema. La salvezza delle Api, risiede nella nostra capacità di cambiare in maniera definitiva il nostro modo di produrre e vivere. I dati non sono incoraggianti e i governi, un po’ ovunque, si sono mossi con un ritardo spaventoso, un ritardo che forse rimarrà imperdonabile e che potrebbe costarci molto più di quanto possiamo permetterci di perdere. Fermare il cuore delle api è un atto crudele direttamente connesso alle nostre emissioni, al nostro meccanismo di consumo, al nostro sistema di trasporti e alle nostre scelte, personali e collettive, perciò, data la velocità con cui le api stanno morendo, è giunta l’ora di cambiare, definitivamente e per il meglio.

Razzismo ambientale e giustizia ambientale

Da Always Ithaka  /  11th Giugno 2021
Il cambiamento climatico stesso è emanazione del sistema coloniale di appropriazione e sfruttamento e mantiene alta la marginalizzazione delle persone razzializzate.
Leggi più

Ally Starter pack: Antirazzismo

Da Always Ithaka  /  4th Giugno 2021
Essere antirazzista significa assumere un atteggiamento attivo nei confronti della lotta al razzismo. Implica la volontà e l'azione mirate a destrutturare il razzismo in tutte le sue forme
Leggi più

Festa della Repubblica

Da Always Ithaka  /  2nd Giugno 2021
Il 2 e il 3 giugno 1946 gli Italiani furono chiamati a votare un referendum per scegliere tra monarchia e repubblica.
Leggi più

L’italia è un paese sicuro per i viaggiatori lgbtq+?

Da Always Ithaka  /  2nd Giugno 2021
Nel 2021 viaggiare per le persone facenti parte della comunità LGBTQ+ non è ancora completamente sicuro. In Italia, in attesa del DDL Zan, la situazione non è delle più rosee. Nel 2021 il nostro paese si posiziona al 46° posto nella classifica destinazioni sicure per viaggiatori LGBTQ+ con un punteggio di 170.
Leggi più

Lo Stupro di guerra

Da Always Ithaka  /  28th Maggio 2021
Il termine Stupro di guerra indica gli stupri commessi dai soldati, combattenti o civili, durante un conflitto armato, una guerra o un’occupazione militare. In esso rientrano tutte le violenze sessuali, quindi non solo gli stupri con penetrazione completa, perpetrati dai soldati, o come detto da combattenti o civili, durante un conflitto.
Leggi più

Giornata Internazionale contro l’omotransfobia

Da Always Ithaka  /  17th Maggio 2021
La Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia è una ricorrenza promossa dal Comitato Internazionale per la Giornata contro l'Omofobia e la Transfobia e riconosciuta dall'Unione europea e dalle Nazioni Unite che si celebra dal 2004 il 17 maggio di ogni anno.
Leggi più

Inquinamento e povertà: perché i quartieri a est sono più poveri?

Da Always Ithaka  /  11th Maggio 2021
Perché in alcune città industriali i quartieri ad est sono i più poveri?
Leggi più

Come riconoscere Greenwashing e Socialwashing

Da Always Ithaka  /  7th Maggio 2021
Il greenwashing è una strategia di marketing finalizzata a generare un'immagine particolarmente attenta all’ambiente dell'azienda, del brand o della persona.
Leggi più

Seaspiracy: La fine dei Mari

Da Always Ithaka  /  29th Aprile 2021
La terra è composta per il 71% da acqua, di cui gli Oceani costituiscono il 96, 5%. I mari della Terra sono ciò che le consente di ospitare la vita, in tutte le sue forme. Le minacce alla salute dell'ecosistema marino, però, sono tante e interamente derivate dall'attività umana.
Leggi più

Abbiamo diritto ad un ambiente sano?

Da Always Ithaka  /  28th Aprile 2021
L’ipotesi dell’esistenza di un diritto ad un ambiente sano ed adeguato nasce non solo in seno alle questioni più recenti come diritto di terza generazione, ma bensì all’interno di alcune Carte regionali.
Leggi più

Ciclo mestruale sostenibile: ambiente, period poverty e politiche

Da Always Ithaka  /  12th Aprile 2021
Il ciclo mestruale può essere sostenibile? Come si può ridurre l'impatto ambientale delle mestruazioni, ed è questo sufficiente?
Leggi più

Povertà mestruale: in Italia non se ne parla

Da Always Ithaka  /  11th Aprile 2021
In UK 1 persona su 10 non può permettersi prodotti per l'igiene mestruale, in Italia non è disponibile una rilevazione
Leggi più

Period Poverty

Da Always Ithaka  /  3rd Aprile 2021
Le diseguaglianze hanno un effetto sul ciclo. Non tutte le persone del mondo possono accedere ai dispositivi necessari alla gestione del ciclo mestruale.
Leggi più

Cos’è Il Cambiamento Climatico?

Da Always Ithaka  /  28th Marzo 2021
Il cambiamento climatico è un mutamento del clima, ovvero una serie di trasformazioni dell’equilibrio del clima a livello regionale o globale.
Leggi più

I COMBUSTIBILI FOSSILI

Da Always Ithaka  /  24th Marzo 2021
Con il termine combustibili fossili s'intendono quelle risorse energetiche derivate dalla trasformazione di materia organica decompostasi e depositatasi nel sottosuolo.
Leggi più

Api e cambiamento climatico

Da Always Ithaka  /  23rd Marzo 2021
Le api hanno con la terra una relazione privilegiata ed unita, di mutuo sostegno. Infatti gli esseri umani, ricercatori, preoccupati dalla china drammatica verso cui il nostro clima ha cominciato rapidamente a scivolare, hanno presto iniziato a guardare questi insetti come unità di misura della salute del nostro ambiente.
Leggi più

I migliori Cafè in Islanda

Da Always Ithaka  /  18th Marzo 2021
Ecco una breve lista dei top café in Islanda, per sapere esattamente dove andare se volete godervi un café con atmosfere piacevoli.
Leggi più

POLAR BEAR HOTEL

Da Always Ithaka  /  16th Marzo 2021
Negli ultimi giorni ha fatto scalpore l’apertura del “primo” hotel con orsi polari, in cui gli ospiti possono effettivamente osservare i giganti predatori dell’artico 24 h su 24 h all’interno dell’hotel. La notizia è stata accolta con tanta indignazione quanto interesse, manifestatosi nella richiesta di prenotazioni che hanno presto fatto il tutto esaurito. La sconcertante verità è che sono serviti degli orsi polari per scatenare indignazione per un fenomeno in realtà molto più diffuso di quanto si pensi: gli hotel zoo.
Leggi più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *