10-03-2017

Marzo 10, 2017 Always Ithaka No comments exist


10 Marzo 2017 / by Always Ithaka
Martina Miccichè
Tibetanoperweb
Le foto hanno un insolito e, spesso, sottovalutato potere.
Esse non sono solo per mostrare o per colorire un’idea che altrimenti si nutrirebbe di sola fantasia.
Le foto sono un ponte nel tempo. Il verbo “essere” perchè hanno una vita propria. Nascono, a seguito di un guizzo dell’occhio su un
istante o una figura e poi vivono. Raccontando sempre lo stesso passato, senza però scindersi mai dal presente, incorniciando sè stesse del momento in cui l’umano sguardo vi si posa.
Con una foto, tornate con noi a due anni fa.
Nel viaggio che ha creato, senza che ce ne rendessimo conto, Ithaka.
Nepal, 2015, due mesi dopo il terremoto.
Nello specifico a Pokhara, sulla strada che porta al Pema Ts’al Sakya Monastic Institute.
Prima di entrare nel monastero c’è un camminamento.
Una lieve pendenza affatica i passi di chi lo percorre.
Accanto alle fatiche della salita, due figure ci guardano con cortese divertimento.Ci fermiamo.
Sono due Tibetani, si vede dalla conformazione del viso, così poco nepalese. Ci mostrano la merce deposta sui banchetti. collane, pietre, gioielli, candele.
Non è una normale vendita di souvenir. Quegli oggetti sono pezzi di una tradizione, sono immagini e ornamenti sacri per la cultura tibetana.
E’ il loro retaggio, ordinato con rispetto su un pano di lino bianco, che attende di essere acquistato.
Chiedo all’uomo se posso fargli un ritratto.
Intrecci di rughe e occhi fini.
Lui è uno dei c.ca 15.000 esuli Tibetani rifugiatisi in Nepal.
E di nuovo ad oggi, a noi.
Oggi è l’anniversario di quel giorno marzolino del lontano 1959 in cui il Tibet insorse contro l’occupazione Cinese.
Il giorno in cui il Dalai Lama, il capo politico e spirituale del regno delle nevi fuggì.
Oggi, come per tutto il mese di marzo di ogni anno da allora, il governo cinese non consente di visitare il Tibet.
Oggi, è un giorno di memoria e di speranza.
Di ricordi, per non lasciare nulla alla eco sorda della dimenticanza.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *