4 esperienze imperdibili nei pressi di Marrakech

Gennaio 14, 2019 Always Ithaka No comments exist

14 Gennaio 2019 / by Always Ithaka

Martina Miccichè

Marrakech è una città splendida e facilmente accessibile. Viene infatti scelta come primo approccio al Marocco, ma perchè accontentarsi? Le esperienze da vivere nei pressi della città sono tantissime, noi abbiamo selezionato quelle che più ci hanno colpito.

Ouzoud

Le cascate di Ouzoud sono facilmente raggiungibili da Marrakech, distano infatti appena due ore di macchina. La gita classica prevede, spostamento, passeggiata fino alla sommità delle cascate in cui il fiume si getta per 110 metri nel canyon alle cui pendici vedrete uno stuolo di famiglie marocchine e gruppi di giovani ragazzi del posto. Procederete costeggiando il fiume sino ad alcune anse dove vi verrà offerto un tè e proposto di fare un bagno, preceduto da un salto da una roccia a picco sul fiume.Verrete quindi condotti nel nel cuore delle cascate, affidati ad uno degli infimi ristoranti del posto e lasciati riposare. Potrete scegliere se fare un giro in chiatta sotto le cascate o fare un bagno nelle fresche acque del fiume Oued Ouzoud. Infine, la guida, senza la quale difficilmente avrete accesso al sito, vi condurrà su per la montagna, verso un punto panoramico da cui osservare l’Alto Atlante. Il costo dell’escursione varia dai 10 ai 20 ma in essa non è mai compresa la mancia alla guida, salvo espressamente indicato. Non appena giungerete al parcheggio una delle guide del posto vi offrirà i suoi servizi, se siete interessati ricordatevi di stabilire prima il prezzo, contrattando e specificando il prezzo cadauno. Se volete proseguire da soli, non temente, il sentiero è ben segnalato.

ozud

Ait Benhaddou

Questa è una gita decisamente più complicata e faticosa ma vale il viaggio. Dopo 4 ore di viaggio sulle impervie strade dell’ Alto Atlante, rimarrete sbigottiti nell’osservare la splendida kasbah costruita con fango e sterpaglie. Questo villaggio, letteralmente villaggio dei figli di Ait, risalente all’undicesimo secolo è riconosciuto patrimonio dell’umanità dell’UNESCO e, grazie agli investimenti hollywoodiani, è stato preservato nella forma e nella struttura. La storia del luogo è piuttosto singolare eretto come avamposto commerciale per le carovane mercantili dirette verso il deserto, la kasbah ha attirato presto l’attenzione dell’industria cinematografica.Potrete infatti riconoscervi i set de Lawrence d’Arabia, Il Gladiatore e Yunkai la città nella baia degli schiavisti di Game of Thrones. 

marrakech

Ouazarzate

Negli anni 50 Hollywood non si è fermata alle porte di Ait Benhaddou ma ha proseguito, nella sua ricerca ai set, per altri 32 km, trovando Ouazarzate storico luogo d’incontro per le popolazioni della valle del Draa, del Dades e dell’alto Atlante. Visitate la kasbah di Taouirt, anch’essa apparsa ne Il Gladiatore, e l’Atlas film corporation Studios. Giungere fino a qui da Marrakech è un viaggio piuttosto impegnativo. Questa gita viene cumulata con quella ad Ait Benhaddou e richiede uno spostamento della durata di circa 8 ore, andata e ritorno, da sommare al tempo della visita. Da non fare se avete a disposizione solo qualche giorno.



Deserto d’Agafay

Raggiungere il Sahara richiede molto tempo , pertanto risulta infattibile per un soggiorno breve. Non per questo dovrete rinunciare al deserto. Infatti, a circa un’ora d’auto da Marrakech, si estende il roccioso deserto di Agafay ove lussuosi campi nomadi accolgono i turisti per notti indimenticabili. La nostra scelta è ricaduta sullo Scarabeo Camp.

Qui alloggerete in una tenda bianca, immensa, con bagno privato e veranda. Il primo impatto sarà fonte di stordimento, passare dal caos della medina di Marrakech alla quiete assoluta del deserto è surreale. La vera sorpresa, però, l’avrete al tramonto. Il sole calerà lentamente, tingendo d’oro le colline sabbiose, i cammelli lanceranno gli ultimi bramiti prima di coricarsi e il campo scivolerà nel buio. Piccole lanterne saranno la vostra unica fonte di luce, sino al ristorante dove potrete ascoltare un concerto di musica tuareg gustando un’ottima cena, forse la migliore fatta a Marrakech. Infine,tornati in tenda, sedetevi in veranda e perdetevi a riscoprire il vero aspetto delle stelle.

 

deserto marrakech  deserto marrakech

Se il post vi è piaciuto, condividetelo!

Se avete in mente di organizzare un viaggio a Marrakech, contattateci e vi aiuteremo a vivere un’esperienza indimenticabile!

Se invece siete curiosi di sapere cos’altro potreste vedere dentro Marrakech cliccate qui.

Per sapere cosa vedere a Marrakech, questo è il post in cui raccontiamo le bellezze della città!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *