Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

2 Comments

  • Selene Scinicariello
    Posted 24th Gennaio 2020 at 10:58 am

    Quanto mi sono ritrovata nelle vostre parole. Io sono stata a Dachau e anche io ho provato alcune delle vostre sensazioni.
    La visita a un Campo di Concentramento non è mai facile. Per mille motivi. Tra questi il turismo di massa, la maleducazione e la superficialità.
    Io mi sono fermata più volte a pensare se io stessa stessi affrontando la visita nel modo giusto, corretto. Quel che mi sono risposta è che non esiste un modo perfetto per visitare questi posti. L’unica cosa che non deve mai mancare è il rispetto. Per quello che è successo, per gli altri, per il dolore.
    Non è facile visitare un luogo di tristezza e di orrore come un Campo di Concentramento e le riflessioni che ne scaturiscono sono sempre tantissime.
    Mi ha fatto piacere leggere il vostro post.

    • Post Author
      Always Ithaka
      Posted 24th Gennaio 2020 at 3:13 pm

      Siamo davvero felici di saperlo! Credo che uno degli obiettivi secondari di questi luoghi di memoria sia proprio porsi delle domande, anche semplicemente sul come e il perché si stia affrontando una visita del genere. Fare dell’autocritica, domandarsi se in effetti non si possa avere un comportamento ancora più rispettoso è già di per sé sintomo di una profonda sensibilità. Grazie mille per aver lasciato questo commento bellissimo e prezioso!

Leave a comment

error: Alert: Content is protected !!