Come guadagnare con un blog

18 Luglio 2018 / by Always Ithaka

Martina Miccichè

Leggi di viaggi, scrivi di viaggi, sogni di vivere di viaggi? questo è il post che fa per te, una guida semplice e veloce per rendere il tuo blog proficuo!

In questa guida troverai  consigli per aprire un blog, sfruttare i social e creare la tua piattaforma di guadagno di digitale. Se hai già un blog di viaggio skippa direttamente alla sezione Monetizzare, in cui spieghiamo brevemente come guadagnare con il blog!

VISIBILITA’

Nicchia : Lo avrete già letto ovunque ma è una verità assoluta, perchè il vostro blog sia riconosciuto e ricordato deve essere rivolto ad una nicchia specifica, ovvero ad un gruppo specifico di persone con un interesse comune. La nicchia è ciò che caratterizza un blog, nel nostro caso la nicchia di riferimento è strettamente connessa al progetto ovvero quello di aprire il primo blog di viaggi in italia che trattasse di viaggi con particolare attenzione a tematiche politiche e sociali. Un consiglio che possiamo darvi è quello di non limitarvi ad una sola nicchia, restringere il campo il più possibile vi fornirà un pubblico fedele e vi darà la possibilità di divenire un punto di riferimento imprescindibile.




Nome : Altro elemento fondamentale, se non vitale, è la scelta del nome che deve rispecchiare voi, la vostra nicchia e le esigenze di mercato. Ahinoi, questa lezione l’abbiamo appresa piuttosto tardi e pagata caramente. Il nome del vostro blog deve essere semplice, immediato e facile da ricordare. Insomma, L’esatto contrario di Alwaysithaka.com.

Social : Un fattore oggi vitale per i travel blogger è costituito dall’apparato dei social network, vere e proprie piattaforme pubblicitarie in grado di ampliare esponenzialmente la vostra utenza. Il consiglio è di sceglierne un paio ed essere attivi in maniera costante per poter creare un rapporto di scambio con il vostro pubblico. La nostra scelta è ricaduta su Facebook perchè la sua struttura aiuta la condivisione di post e su Instagram perchè per dei fotografi professionisti è la piattaforma ideale.

 

blog guadagnare

 

Network : L’unione fa la forza! Quando si tratta di travel blogging la concorrenza può essere preziosa. Collaborazioni, interviste, supporto, i travel blogger sono una risorsa notevole. Il grosso problema di questo settore è che, spesso,  i blogger sono affiliati a cerchie molto ristrette poco propense ad accettare nuovi arrivati. Essendo però un mercato da 7 miliardi di dollari noi e molti altri siamo convinti che vi sia spazio e lavoro per tutti. A tal proposito, sei un travel blogger in cerca di un network di colleghi?…contattaci!



 

MONETIZZARE

Andiamo al sodo, dove sono i big money? Beh, molto molto lontani.

Affifliazioni: La risorsa più immediata e accessibile è la pubblicità. Il consiglio è di essere moderati, non eccedete con i banner pubblicitari. Le affiliazioni con cui ci siamo trovati meglio sono quelle con Skyscanner (Gestito da Tradedoubler) , Booking e Amazon. Quest’ultimo in particolare permette di consigliare prodotti e guadagnare qualora l’acquisto venga fatto tramite il link sul vostro sito. Non sottovalutate ADsense di Google, le pubblicità non sono esteticamente accattivanti ma permettono di indicizzare meglio il blog e di attirare più facilmente i click grazie alle tecnologie personalizzate stile grande fratello di Google.

Collaborazioni: lavorare con il proprio blog è ciò che permette di guadagnare maggiormente. Purtroppo non è una possibilità immediata perchè per essere assunti, venire invitati, usufruire di esperienze gratuite sono necessari numeri di utenza piuttosto elevati. Bisogna lavorare duramente per arrivare ad ottenere ingaggi come travel blogger e, spesso, si tratta di un lavoro più dispendioso che retributivo. Fatta questa premessa essenziale, provateci lo stesso! Preparate una mail standard per le collaborazioni, prediligete strutture nuove o più carenti sul social in cui eccellete e tentate.

Nel peggiore dei casi la mail non riceverà risposta, nel migliore verrete invitati a vivere un’esperienza gratuita o su compenso. Ricordatevi di essere molto chiari riguardo la vostra recensione, non promettete recensioni positive a priori e riservatevi apertamente il diritto di scrivere solo ciò che avete effettivamente esperito, il vostro primo dovere è l’onesta verso chi vi legge.

Shop: molti travel blogger aprono un piccolo shop sul loro sito o su piattaforme che consentono di vendere i propri prodotti senza dover aprire una partita Iva.

 

SKILLS

Affinate le vostre abilità e sfruttatele. La bellezza di essere nomadi digitali è la possibilità di lavorare ovunque ed avere accesso ad un mercato del lavoro molto più esteso, vario e flessibile. Nel nostro caso i lavori di fotografia sono una costante, così come i video e la scrittura free lance.
Un’esempio? Saverio è un videomaker, professione che consente non solo di lavorare all’estero ma di usufruire di facilities durante i soggiorni.

Ecco un esempio del nostro lavoro:

 

 

 

PAZIENZA:

armatevi di pazienza, le attese per le collaborazioni sono spesso lunghe ed infruttuose e vi porteranno più rifiuti che proposte, ma non demordete. i primi anni di un travel blog sono un investimento e spesso non costituiscono nulla più che una spesa, perciò prima di imbarcarvi in un impresa del genere siate fermamente sicuri di volerlo e di avere un salvagente cui aggrapparvi nel caso in cui si rivelasse troppo diverso da come lo aveste immaginato.

 

RISPARMIATE:

questo è il consiglio d’oro. Cercate di prenotare ai migliori prezzi e alle migliori condizioni in modo da poter viaggiare con una frequenza maggiore e godervi soggiorni più lunghi, per i nostri migliori trucchi clicca qui. Noi possiamo garantirvi alcuni sconti sulle iscrizioni ad alcune piattaforme o sui soggiorni stessi : airbnb.

Speriamo che il post si sia rivelato utile, fateci sapere che ne pensate e condividete!

Il vero segreto del guadagno è proprio nelle condivisioni!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *