Cosa vedere a Jaipur, la città rosa del Rajasthan

11 Gennaio 2019 / by Always Ithaka

Martina Miccichè

La città rosa racconta sè stessa nel suo nome. Eretta nel cuore di una valle le cui cime circostanti sono dominate da splendide fortezze, la capitale del Rajasthan non è stata sempre rosa. La sua fondazione risale all’opera di Jai Singh, che spostò la capitale da Amber alla nuova città progettata dall’architetto Vidyadhar Bhattacharya. Nel 1876 il maharaja, grande re, Ram Singh decise di tingerla per onorare la visita di Edoardo VII. Da allora la città ha mantenuto questa tinta, simbolo di ospitalità, stabilendo persino per legge l’obbligo di preservare il colore.

Jaipur è una città particolare, costruita secondo precise simmetrie, intasata di traffico ma piena di luoghi inaspettatamente sereni.

Pronti a scoprire cosa vedere a Jaipur?

City Palace

Il palazzo reale della città sorge nel cuore di Jaipur, è il luogo ideale  per cominciarne l’esplorazione. Procedete attraverso l’ingresso principale e dirigetevi verso il primo edificio il Mubarak Mahal in cui venivano ospitati i dignitari in visita al Maharaja Madho Singh II e che oggi ospita la collezione tessile del palazzo. All’interno troverete anche una ricca boutique di tessuti e souvenir di pregio. Esplorate i vari cortili, in particolare nel Dwan-i-Khas potrete osservare la sala delle udienze in cui i ministri venivano ricevuti. Enormi quadri decorano le pareti con rappresentazioni religiose e  come Krishna alle celebrazioni di Holi o Ganesh intento alla stesura del Mahabharata. Fate attenzione ai pannelli finemente lavorati delle pareti, quelli traforati, infatti, servivano alle mogli e alle signore della corte di assistere alle udienze senza venir meno ai precetti del Purdah. Procedete quindi per una visita all’armeria ed entrate, infine,nel cortile più famoso del palazzo, il Pitam Niwas Chowk in cui sorgono le quattro meravigliose porte intagliate in foggia di piume di pavone.

jaipur jaipur

Jantar Mantar

Nel 1720, Jai Singh II fece erigere un insolito osservatorio astronomico. Appassionato di astronomia commissionò la costruzione di ben cinque osservatori ma questo è decisamente il più grande ed il più bizzarro.

Hawa Mahal

Nel 1799 il Maharaja Sawai Pratap Singh fece erigere questo maestoso muro in risposta alla richiesta delle moglie di poter avere una finestra sulla città. Realizzando questa struttura alveriforme punteggiata da 953 elaborate finestre, il Maharaja consentì alle mogli di osservare la vita quotidiana del bazaar senza contravvenire ai dogmi del Purdah, per cui le donne non devono avere contatti con l’esterno della casa. Visitabile anche all’interno, offre vedute spettacolari della città. Ma la vera vista mozzafiato è quella sulla Porta dei Venti offerta dal dirimpettaio TattooCafè. Di fronte alla porta, tra i vari bar e banchetti troverete l’accesso al cafè, diffidate di chi cercherà di portarvi in altri cafè o ristoranti di amici. Le consumazioni costano poco, i falafel sono ottimi e la vista è impagabile. Inoltre, essendo il cafè frequentato regolarmente da indiani possiede un’atmosfera insolitamente autentica pur essendo un luogo decisamente turistico.

jaipur



jaipur

Nahargarh

Jaipur è la città delle fortezze. Sulle colline che la circondano sorgono enormi fortezze murarie che abbracciano tutto il perimetro della città. Questo forte, in particolare, deve il suo nome al principe Nahar Singh che tornò in forma di fantasma a tormentare i lavori di costruzione del forte. Per scacciarlo e ripristinare l’ordine gli venne assicurato che l’opera, una volta compiuta, gli sarebbe stata dedicata. La vera bellezza del forte è la visuale su Jaipur godibile lungo tutto il perimetro delle mura, assolutamente imperdibile. Per raggiungerlo potete farvi portare per un tratto da un TukTuk e poi proseguire a piedi. Se, invece, voleste unire questa gita ad Amber vi converrà spostarvi in macchina.

jaipur

Jal Mahal

Jal Mahal ovvero “il palazzo sull’acqua” è uno dei luoghi meno visitati e più suggestivi della città. Fatto erigere da Madho Singh nel cuore del lago Man Sagar questo palazzo non è interamente esposto alla vista, infatti quattro dei cinque piani che lo compongono sono interamente sommersi dall’acqua. Fermatevi  al palazzo al ritorno dall’Amber fort, soprattutto se la giornata sta volgendo al termine. Passeggiate lungo la riva del lago punteggiata di banchetti del bazaar a cielo aperto ed osservate il sole tramontare dietro il lago.

jaipur JAIPUR

Bazaar

Prendetevi un pomeriggio per passeggiare nella città rosa alla scoperta dei bazaar. Il centro di Jaipur, infatti, è interamente occupato da botteghe. Rifuggite quelle più turistiche alloggiate nei pressi della porta dei venti e del City Palace e andate alla scoperta dei negozi di spezie, frutta secca, pentolame, stampi e quant’altro. Nel bazaar avrete modo di osservare anche la vita degli intoccabili che offrono i loro servizi a bordo strada su semplici lenzuoli.

jaipur jaipur jaipur

Dintorni

Per meglio apprezzare Jaipur, e non perdere alcuna attrazione, conviene abbandonare i confini cittadini, anche solo per la giornata.



Amber

La precedente capitale oggi è un famoso sito turistico il cui fulcro è la sublime fortezza color sabbia costruita nel 1592. La fortezza è un’elevata espressione dello stile medievale Rajput, generatosi dalla commistione tra arte hindu e arte islamica. I giardini all’ingresso sorgono sul Maota Lake che, quando in piena, regala una splendida veduta a specchio della montagna su cui si erge il forte. La salita a piedi non è impegnativa e permette di scovare scorci di impressionante bellezza.

Visitatela a piedi ed evitate il tour a dorso d’elefante. Tra i cortili, le terrazze e i cunicoli non perdetevi le segrete ove dimorano enormi pipistrelli.

JAIPUR

Pushkar

A due ore e mezza di macchina, traffico permettendo, si trova Pushkar. La città è meta di uno dei più importanti pellegrinaggi induisti  ed è uno dei luoghi più spirituali dell’India assieme a Varanasi. è la meta imprescindibile per chi, dopo la quotidiana realtà indiana, desideri osservare l’aspetto più spirituale dell’India.

Chand Baori

Il celebre pozzo a scalini che imperversa su Instagram è raggiungibile con una piccola gita in macchina. Costruito per fornire un’abbondante scorta di acqua nei tremendi periodi di  siccità, oggi il pozzo è aperto ai visitatori, cui è consentito anche tuffarvisi. Una volta sul posto non perdetevi il tempio della dea della gioa e della felicità, Harshat Mata.



Ranthambore National Park

A metà strada tra Agra e Jaipur si trova un parco naturale che ospita circa 50 esemplari di tigre. Ex tenuta di caccia del Maharaja, oggi il parco è uno dei pochi luoghi in cui avvistare tigri selvatiche nel Rajasthan è ancora possibile. Rappresenta una tappa ideale per chi sta compiendo un viaggio breve nel triangolo d’oro ma non vuole perdersi un’avventura nella giungla.

Avete qualche altro posto da consigliare? Fatecelo sapere nei commenti!

Se il post vi è piaciuto o vi ha fatto venire la forte tentazione di prenotare un biglietto aereo, condividetelo. Se, invece, volete offrirci un ko-fi da bere al tattoo cafè, cliccate sul bottone verde.

Se invece ancora volete scoprire tutto quello che c’è da vedere  nella capitale dell’india Nuova Delhi allora cliccate qui

Namaste

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *