Esiste l’Hygge in Islanda? Gluggaveđur

Marzo 2, 2021 Always Ithaka No comments exist
0 Condivisioni

Esiste l’Hygge in Islanda? Questa è una domanda che spesso viene posta e non solo in relazione all’Islanda, ma anche alla Svezia. In Islanda e in Svezia, si parla di Gluggaveđur e Lagom, il primo però rimanda più ad un momento, il secondo è uno stile di vita vero e proprio basato sul quanto basta.

Gluggaveđur

Gluggaveđur si traduce letteralmente con “Tempo da finestra” e rimanda a quelle occasioni in cui il tempo fuori dalla finestra appare invitante, tiepido e irradiato dal sole, ma appena messa la punta del naso fuori di casa si rivela gelido e respingente. Il senso del Gluggaveđur sta proprio in questa incoerenza ricorrente per cui i cieli più tersi, in Islanda, possono celare venti forti e temperature gelide.

Ekla

Tempo da finestra

Come interpretare questo tempo da finestra? Ecco se volete la nostra opinione è un invito alla contemplazione senza contaminazione:

Perfetto al di qua del vetro, troppo freddo all’esterno. Lo stare ad osservare senza entrare nel fuori. L’inganno del sole, ma forse un invito a guardare senza muoversi. Scoprire il senso del vedere senza lasciare traccia di sè al di là. E dunque, contemplare.



Gli islandesi cosa fanno quando si verifica un Gluggaveđur?

Abituati da secoli a dover rimanere chiusi in casa quanto l’inverno colpisce o il meteo diventa improvvisamente ostile, gli Islandesi sanno come impiegare il tempo in maniera piacevole. La lettura è la compagna principale di questi momenti, ma anche la scrittura, il caffè lungo e caldo da rabboccare e la serenità di avere tempo. Indubbiamente ci sarà chi guarda la televisione, ma la cultura nazionale è quella della letteratura, delle poesie e delle saghe, del tempo trascorso lasciando che il silenzio dell’Islanda si spezzi in una risata collettiva.

Austurey Cottage

Ma quindi è Hygge?

Gluggaveđur è una condizione a cui si possono accompagnare alcune abitudini che possono essere considerate a tutti gli effetti Hygge. Evitiamo però di fare di tutte le parole intraducibili del nord d’Europa un pentole di Hygge e cerchiamo di concentrarci sulla singolarità di queste abitudini o stili di vita. Ci sono indubbiamente dei punti in comune ed è piacevole unirli e comporre un motivo complesso e articolato, ma teniamo sempre a mente che la semplificazione culturale e la sua omogenizzazione non fanno bene alle tradizioni e agli usi. Scoprirli in punta di piedi, sapere che Gluggaveđur può trasformarsi in un momento Hygge, ma che le due parole non sono sinonimi è un modo più delicato e sincero di scoprire l’incanto di queste tradizioni nate tra i freddi del nord.

Se volete approfondire le filosofie e gli stili di vita del Nord Europa cliccate qui per l’Hygge Danese, qui per il Lagom Svedese oppure qui per il Pantsdrunk Finlandese

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *