Le migliori e le peggiori guide turistiche, da Lonely Planet a Marcopolo

5 Settembre 2018 / by Always Ithaka

Martina Miccichè

La guida turistica, volenti o nolenti, è un aiuto insostituibile sia nell’organizzazione sia durante il viaggio stesso. Le ragioni alla base di ciò sono semplici, con una buona guida in mano potrete organizzare facilmente il vostro tempo, ovvero valutare subito se la durata del viaggio coincide con ciò che volete visitare, ma non solo. Una buona giuda turistica può offrirvi spunti inediti, suggerirvi luoghi altrimenti inaccessibili e, se è un’ottima guida, ragguagliarvi sulla vita del luogo che state visitando. Per queste ragioni abbiamo deciso che recensire un po’ delle guide che abbiamo testato potrebbe essere utile!

Lonely Planet

Sì, sembra scontato ma ehi, c’è una ragione ben precisa se le lonely planet sono le guide turistiche più vendute al mondo! La comodità di queste guide, ciò che le ha rese le guru dell’industria turistica, è la loro incredibile pragmaticità. Troverete, infatti, preziose sezioni dedicate ad alloggi, ristoranti e attività che vi consentiranno di organizzare brevemente anche il più imprevisto dei viaggi. Ciò che però amo di più di queste guide è la parte finale, quella dedicata alla cultura del paese in causa, oltre a preziose e aggiornate informazioni troverete le indicazioni sulla sicurezza, la salute e altre questioni più pratiche come il trasporto, la valuta, la qualità dei servizi statali etc.

La guida Lonely Planet Europa è un bel mattone da viaggio ma risulta inevitabilmente riduttiva. Consiglio quindi l’acquisto delle singole guide e quella dell’Europa solo nel caso in cui il giro sia molto lungo e articolato. Perchè? beh questa è una delle regioni per cui le mie amatissime guide lonely planet sono annoverate anche tra le peggiori! Non temete,però, tra i consigli elencati nella lista delle peggiori guide troverete anche dei trucchi per arginarli!

guide viaggio

lonely planet

 

Natgeo guide

Le guide National Geographic sono tra le mie preferite di sempre poichè costituiscono delle vere e proprie biografie geografiche. Le informazioni pratiche sono un po’ lacunose ma l’apparato storico e culturale, le descrizioni e le fotografie valgono assolutamente la spesa. Da notare lo splendido rapporto qualità prezzo!

guide viaggio

guide viaggio

 

Marcopolo

Queste guide sono state una scoperta recente e decisamente sorprendente. l principio alla base di queste guide è la praticità,semplici, intuitive ed esaustive sapranno guidarvi al meglio. Consiglio, soprattutto per i viaggi on the road,  le versioni con stradario, non esistono di migliori. Anche qui il rapporto qualità prezzo è notevole!

guida marco polo

guida marco polo

 

Cartoville

Queste miniguide sono favolose per brevi weekend in città Europee. Le cartine pop up sono magistralmente elaborate e la dimensione della guida è talmente confortevole da poterla portare in tasca!

 

Le guide Routard

Il gestore del nosto albergo in Nepal ci disse una cosa più vera che mai, “Se avete una guida Lonely Planet incontrerete un sacco di inglesi, con le Routard solo Francesi!”. Paesi di diffusione a parte, le Guide Routard sono semplici ed esaustive, pratiche ma non molto economiche. Certo è che potrete esercitare il vostro francese…

routard thailandia

routard marocco

 

 

Ed ecco le guide peggiori!

 

Lonely Planet!

Prima tra i primi e prima tra gli ultimi! Quali sono i grandi contro delle Lonely Planet? In primo luogo sono ingombranti e si rovinano molto più facilmente. ( e voi direte, e chi se ne frega della guida spiegazzata? Ragazzi lo so, ma sono bibliofila, piango per gli angolini arricciati figuriamoci per una guida distrutta!). Grosso dramma di queste guide è però il prezzo, una guida Lonely Planet ha come costo medio 25 euro circa e un costo massimo di 45 euro. La qualità vale la spesa ma se siete consumatori di guide seriali ecco il mio trucchetto, ordinatele in Inglese da Amazon.co.uk! L’edizione inglese, oltre ad editare prima gli aggiornamenti, costa considerevolmente meno! Infine, la vera ragione dietro la scelta di pubblicare le guide Lonely Planet tra le peggiori riguarda la loro linea politically correct sui regimi dittatoriali e il giustificazionismo con cui vendono come “autenticità” le privazioni e le difficoltà di certi paesi, per saperne di più, questo è l’articolo del post.

Guide Mondadori.

Layout vecchio, informazioni obsolete e fotografie risalenti ai late 80‘s. Queste guide sembrano star passando un’eterna impasse. Dovrebbero trovare nuovi e volenterosi autori per rinnovarle, e sì, mi sto offrendo volontaria!

 

Le guide Weekend

Semplicemente, zero affinità. Riduttive, poco affascinanti e con fotografie talmente minuscole che tanto varrebbe utilizzare la ricerca google dieci “cose da vedere” e osservare il proprio iphone. (ad averne uno…).



 

Avete qualche altra guida da consigliarci per una recensione? se sì, scriveteci! In ogni caso, spero che il post vi sia stato utile e che i link vi riescano a guidare negli acquisti.

Se il post vi è piaciuto condividetelo e se volete offrirmi un ko-fi , da bere al volo mentre acquisto l’ennesima guida, questo è il link!

a presto!

guide viaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *