Perchè scegliere un’isola abitata alle Maldive?

Febbraio 27, 2019 Always Ithaka No comments exist



In molti ci avete chiesto perché avessimo scelto un’isola abitata al posto di un resort, magari uno di quelli virali su instagram che ospitano i travel blogger a prezzi ridotti. Ebbene, finalmente avrete tutta la verità e nient’altro che la verità.

Il costo

A rischio di sembrare venali, abbiamo optato per un’isola abitata anche per il sostanzioso risparmio. Decidere di sperimentare un viaggio low cost alle Maldive è stato funzionale al progetto di aprire un servizio di organizzazione viaggi low cost ,anche in destinazioni di lusso, per i nostri lettori e followers. Abbiamo speso una cifra inferiore al 70% a quella spesa per una camera standard con mezza pensione in un resort, aereo escluso, per una settimana. Provare per credere.

Impatto ambientale

Come ho approfondito in questo post, i resort hanno un impatto ambientale maggiore rispetto le isole abitate, soprattutto considerando che principiano un’attività antropica in luoghi dove, normalmente, non esisterebbero insediamenti umani.

Economia locale

Essendo un paradiso in via d’estinzione, anche la scelta di destinare la propria spesa all’economia locale ha il suo peso. Infatti, la maggior parte dei resort è proprietà di compagnie estere. Al contrario le guest house sono a conduzione familiare e ogni pasto che consumerete al di fuori vi consentirà di immettere denaro a livello locale, garantendo così un futuro a tutte quelle famiglie che perderanno, presto o tardi, la propria isola. Curiosi di sapere quando e perché le Maldive scompariranno? In questo post abbiamo analizzato i maggiori fattori di rischio.

maldive

Le vere Maldive

Per quanto siano una delle nazioni più frequentate dal turismo internazionale, le Maldive sono un territorio piuttosto inesplorato. Le isole abitate hanno cominciato ad avere contatti con il turismo solo di recente e hanno, perciò, preservato il loro stile di vita al meglio. Viaggiare su un’isola abitata consente di scoprire un mondo pacifico e seminascosto, in cui il mare e le persone vivono in un’armonia perfettamente sincronizzata.

La vita quotidiana

Su un’isola abitata avrete la concreta possibilità di esperire lo stile di vita locale. A partire dai richiami del muezzin che, cinque volte al giorno, radunano i fedeli nella moschea dell’isola per la preghiera, fino ad arrivare al riposino dopo pasto nell’ora calda sugli Undholi, le altalene. Che siano costruite in legno e lavorate finemente o fatte di corda e tubi di plastica, le altalene stanno ai maldiviani come la pizza agli italiani. Ne troverete tantissime in riva la mare, appena nascoste sotto le ombrose foglie delle palme. 

Maldive

Un fattore eccezionale della vita locale è il cibo. La colazione maldiviana prevede crepe, pesce tritato con cipolla e uova. Un ottimo boost per cominciare la giornata. All’ora di pranzo, di solito, si mangia leggero, un sandwich o uno spuntino accompagnato da spremute di frutta fresca preparate sul momento. La sera, i piatti tipici la fanno da padrone. Enormi porzioni di riso o pasta vengono servite con il pescato del giorno. 

Sulle isole, inoltre, non si indossano scarpe. Le infradito vengono indossate nelle strade dove passano mezzi a motore, di solito solo qualche motorino, e vengono scalzate prima di entrare nei negozi. Nel resto dell’isola, dalla spiaggia agli alberghi, si vive a piedi nudi. Inutile dirlo, quando abbiamo re-indossato le scarpe il giorno della partenza abbiamo sentito una fitta al cuore, consci di star perdendo di nuovo una leggerezza e una tranquillità che solo la vita a piedi nudi sa conferire.

Il Mare

Nei reef dei resort, soprattutto di quelli più vecchi, l’arrivo dell’uomo è chiaramente percepibile. Nelle prime costruzioni venivano addirittura tagliate intere porzioni di barriera corallina per consentire il passaggio dei motoscafi. Nei resort, il mare è l’accessorio perfetto per una vacanza da sogno. Nelle isole abitate, invece, è semplicemente vita.

maldive

Tutto ruota intorno al mare, alla sua salute, alla sua bellezza e ciò si riflette nell’esperienza che vivrete ogni giorno in acqua. Se nei resort l’avvistamento di una tartaruga richiama la folla, nelle isole abitate potrete nuotare con gli animali da soli, senza altri snorkeler accanto. Per non parlare della spiaggia. Niente ombrelloni e solo palme a farvi ombra in spiagge deserte per centinaia di metri. E sarete soli, splendidamente soli.

I Maldiviani

Come se mare e palme non bastassero, i maldiviani sono la vera ciliegina sulla torta. Gentili, allegri e sempre pronti a scherzare, vi stupiranno con la loro indole accogliente e la spensieratezza con cui vi contageranno.

maldive
DCIM102GOPROGOPR3481.JPG

Scoprirete una nazione di strenui lavoratori, dediti alla fatica ma non schiavi del desiderio di possesso. Al contrario, in queste isole circondate da alcuni dei resort più costosi ed esclusivi del mondo, si può scoprire la bellezza di una vita di bisogni elementari e la gioia di non volere nulla più che una manciata di riso con frutti di mare appena pescati e una noce di cocco in riva al mare.

Gli animali

Ancora indecisi? Ebbene abbiamo un altro asso nella manica. La fauna, la grande fauna. Le gite proposte dai resort sono, ovviamente, molto dispendiose e devono essere organizzate con largo anticipo per far fronte alle richieste di tutti gli ospiti. Nelle isole abitate, invece non esiste fretta. Infatti, i luoghi di arrivo delle gite sono tutti nei pressi delle isole maldiviane.

maldive
DCIM102GOPROGOPR3405.JPG

I costi delle gite sono bassi e il personale che vi guiderà in mare sarà decisamente più disposto a prolungare le gite,quando necessario. Noi, nell’ordine, abbiamo nuotato con gli squali balena, le mante, pinna nera, tartarughe,murene e aquile di mare. La maggior parte di questi incontri è avvenuto per puro caso, a pochi metri dalla spiaggia della nostra isola.

Come scegliere l’isola?

Semplice, affidandovi a Ithaka! Contattateci per il vostro viaggio in paradiso low cost, abbiamo un pacchetto pronto per Pasqua!

Se il post vi è piaciuto, condividetelo, se invece, non siete ancora convinti e volete sapere perché non andare in un resort, questo è il post che fa per voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *