Toscana sostenibile : Maremma e Val d’Orcia

Aprile 20, 2020 Always Ithaka No comments exist
1 Condivisioni


La Toscana è una regione magnifica costellata di colline sterminate, campi di ulivi che si tingono di viola al calar del sole e cibo semplice, che parla la lingua della terra e dei campi. Questa regione è uno smeraldo vivo, dalle curve morbide ricoperte di erba dolce, che ondeggia al vento come alghe nell’acqua.

In Toscana viaggiare sostenibile non solo è possibile, ma anche semplice, se si sa dove andare.

Abbiamo deciso di promuovere il turismo sostenibile in Toscana sperimentando in prima persona strutture ed itinerari per rendere anche le gite fuori porta a prova di sostenibilità.

crete senesi

Criteri

Come abbiamo spiegato in questo articolo, la sostenibilità si basa su tre pilastri ovvero ambiente, società ed economia. Allo stesso modo il turismo sostenibile si allaccia a questi elementi divenendo una risorsa preziosa. Gli itinerari e le strutture che inseriremo nel progetto Toscana Sostenibile rispecchiano questi elementi e sono attive nel migliorarsi continuamente per garantire che la permanenza degli ospiti si svolga all’insegna della sostenibilità.

Come spostarsi

Per raggiungere la Toscana in maniera sostenibile avete due opzioni, organizzare un viaggio in macchina o spostarvi in treno. Prendere l’aereo per raggiungere la regione è uno spreco poiché il livello di inquinamento prodotto dagli spostamenti interni via aerea è superfluo ed esponenzialmente alto. In questo articolo trattiamo in maniera più approfondita l’impatto degli aerei sull’ambiente.

Itinerario Toscana Sostenibile

La Maremma

La prima tappa che vi consigliamo di fare si trova vicino Grosseto, precisamente a Civitella Paganico. Qui troverete lo splendido Glamping  Il Sole letteralmente immerso nella maremma in cui potrete rilassare mente e corpo.

Cupola geodetica Toscana

Prima di raggiungere Civitella Paganico vi consigliamo di fare una sosta pranzo a Firenze, più precisamente al ristorante La Raccolta. Oltre ad un minimarket dove acquistare prodotti locali sfusi, in questo ristorante troverete un’atmosfera mistica votata al bio. I piatti vegani sono realizzati con prodotti del territorio di altissima qualità e la riuscita è eccezionale.

Dopo il pranzo fate una breve sosta a Piazzale Michelangelo per ammirare Firenze dall’alto, godendo della splendida vista sul Ponte Vecchio.

Infine, raggiungete il glamping. La stradina che vi condurrà a destinazione è molto brulla e passa proprio accanto ad un magnifico campo di ulivi. Gli alloggi a vostra disposizione spaziano dalla Yurta alla Casa sull’albero passando per la cupola geodetica.

casa sull'albero in Toscana

La proprietà ha degli spazi notevoli, per cui incontrerete gli altri ospiti solo qualora il vostro orario per i pasti dovesse coincidere. Noi abbiamo pernottato sulla Pianta, ovvero sulla casa sull’albero. Dall’immensa vetrata abbiamo potuto godere lo spettacolo delle colline che si incendiano al tramonto, ricoprendosi di luce densa come oro liquido. La notte, nera come giaietto, era illuminata da stelle e luna e ha lasciato il posto ad un’alba calma punteggiata dai cervi che saltellavano pacifici proprio sotto di noi.

L’idillio è davvero totale, poichè la struttura è davvero sostenibile. A gestione familiare offre materie prime coltivate in loco, architettura ecofriendly e l’attenzione e la ricerca necessarie a rispettare il territorio. La cucina rispetta la stagionalità dei prodotti.

N.B. su richiesta è possibile avere un menù completamente vegano.

In loco si trovano sorgenti termali gratuite.

Val D’Orcia

Come seconda tappa di questo tour vi consigliamo di dirigervi verso Rapolano. La struttura scelta per il pernotto è L’Antico Granaione che, come il nome suggerisce, era un immenso edificio adibito alla conservazione delle trebbiature e alla loro lavorazione, massima espressione dell’antica Toscana. Oggi ospita un bed&breakfast in cui scollegarsi dal mondo immergendosi nella colorata atmosfera delle stanze, in cui le travi a vista e le finestre sui tetti punteggiati di muschio che si perdono nell’orizzonte collinare sono il punto di forza.

Antico Granaione

L’Antico Granaione è la base ideale per partire all’esplorazione dei dintorni di siena, in particolare per visitare Montepulciano, Montalcino e Pienza, i gioelli della Val D’Orcia.

Curatevi di raggiungere Montalcino per pranzo e fermatevi all’Osteria di Porta al Cassero per assaggiare la celebre pappa al pomodoro, gustandovi un ottimo Brunello. Vistate la città e poi dirigetevi verso L’agriturismo Baccoleno, nei pressi di Asciano, dove troverete il celebre viale di cipressi da immortalare al tramonto. Le crete senesi vi accompagneranno fino al vostro rientro.

Crete Senesi Toscana

Per la cena provate il ristorante Modì, un raffinato locale specializzato in prodotti locali ricercati. Provate l’antipasto di crostini toscani, semplicemente perfetto.

N.B. le opzioni vegane sono molto limitate ma gustose.

Antico Granaione relax

Come spostarsi

In Europa e in Italia viaggiamo sempre con la nostra fedele ibrida, carica fino al limite dei finestrini di attrezzatura. Per ridurre al minimo il vostro impatto vi consigliamo di spostarvi in treno o con mezzi collettivi, come blablacar.

Maremma e Val D’Orcia sono vicine tra loro, perciò unire la visita ai due luoghi non sarà difficile, anzi, vi sembrerà di seguire un percorso naturale.

Rispettare l’ambiente

Per non intaccare la meravigliosa natura della Toscana è importante seguire alcune precauzioni:

  • Portate la vostra amata bottiglia riutilizzabile, se non ne avete ancora scelta una questa è la nostra.
  • Non gettate rifiuti in giro
  • Ordinate piatti del giorni a base di prodotti di stagione
  • Fate acquisti nelle botteghe locali
  • Non fate troppo rumore, in questo modo non turberete gli animali e sarà più semplice avvistarli
  • Evitate di consumare carne, lo so, spesso chi va in Toscana cerca proprio questo tipo di alimento, ma il pianeta e gli animali non possono essere salvati a singhiozzi.
  • Portatevi i vostri prodotti da toeletta, plastic free ovviamente, per non essere tentati da quelli monouso che spesso si trovano negli hotel.
  • Godetevi un bicchiere di vino consigliato dall’oste al tramonto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *