Turismo Responsabile e sostenibile : FAQ

Maggio 21, 2020 Always Ithaka No comments exist
0 Condivisioni

Perché un articolo di FAQ, domande frequenti, sul turismo responsabile e sostenibile? Ebbene spesso ci contattate per avere informazioni e capire meglio alcuni aspetti, magari meno evidenti, riguardo il nostro modo di viaggiare. Abbiamo notato che alcune di queste domande si ripetono con una certa frequenza, perciò abbiamo pensato di raccoglierle qui in modo da dare a tutti la possibilità di sfatare certi dubbi.

Usate l’indice per muovervi all’interno dell’articolo e trovare le domande di cui state cercando le risposte. Spesso troverete linkato un articolo per approfondire in maniera più precisa la risposta.

Generali

  • Cosa vuol dire sostenibile? Sostenibile è un aggettivo che si riferisce letteralmente a qualcosa che si può sostenere, dunque continuare. “La sostenibilità è la caratteristica di un processo o di uno stato che può essere mantenuto a un certo livello indefinitamente. In ambito ambientaleeconomico e sociale, essa è il processo di cambiamento nel quale lo sfruttamento delle risorse, il piano degli investimenti, l’orientamento dello sviluppo tecnologico e le modifiche istituzionali sono tutti in sintonia e valorizzano il potenziale attuale e futuro al fine di far fronte ai bisogni e alle aspirazioni dell’uomo.” Per approfondire vedi questo articolo.
  • Cos’è il turismo responsabile? Secondo la definizione dell’Associazione Italiana Turismo Responsabile il turismo responsabile “è il turismo attuato secondo principi di giustizia sociale ed economica e nel pieno rispetto dell’ambiente e delle culture. Il turismo responsabile riconosce la centralità della comunità locale ospitante e il suo diritto ad essere protagonista nello sviluppo turistico sostenibile e socialmente responsabile del proprio territorio. Opera favorendo la positiva interazione tra industria del turismo, comunità locali e viaggiatori.”
  • C’è differenza tra sostenibile e responsabile? Vengono usati come sinonimi.
  • Perché è importante? Perché grazie ad esso potremo tutelare i luoghi che visitiamo, senza distruggerli o rovinarli. Il turismo sostenibile è una forma di amore verso il mondo. Qui spieghiamo meglio perché sia importante e come possa fare la differenza.
  • Cosa non è sostenibile? Qualunque attività o tipo di viaggio che non rispetti  una o tutti i criteri di  sostenibilità  quali quella ambientale, economica e/o sociale, è da considerarsi non sostenibile.

Questioni pratiche

  • Serve un’agenzia per questo tipo di viaggio? Non è necessario rivolgersi ad una agenzia né a gruppi specifici, i viaggi sostenibili si possono organizzare in autonomia, previa adeguata informazione.
  • Costa molto? Viaggiare in maniera sostenibile non costa molto, soprattutto se paragonato ai pacchetti vacanza o ai prezzi che risultano dal lavoro di un’agenzia o di un terzo operatore. I viaggi sostenibili possono essere low cost e, a seconda del paese visitato, possono addirittura costare meno di un normale viaggio low cost. Esempio: in un viaggio sostenibile si cerca di prendere il minor numero di aerei spostandosi via terra, riduzione emissioni e costo, non si pernotta in grosse catene o alberghi a gestione occidentale, riduzione costo e immissione di denaro a livello locale, e si svolgono solo attività rispettose di ambiente, animali e popolazione, risparmio economico notevole unito a grandi conquiste etiche. Se volete leggere un esempio di viaggio sostenibile e low cost vi consigliamo i nostri articoli sulle Maldive.
  • Come si organizza? Per organizzare un viaggio sostenibile ciò che serve maggiormente è la preparazione, ma non temente. Dovrete solamente cercare di diventare familiare con i criteri di sostenibilità e le dinamiche del luogo che state per visitare, in questo modo vi sarà semplice non cadere in fallo. Viaggiare in questa maniera richiede ricerca e dedizione al viaggio, unite alla voglia di mettersi in discussione ed essere sempre pronti ad imparare, tutte caratteristiche comuni dei viaggiatori!

Animali & Ambiente

  • Come capire se un’attività è animal cruel? Per capire se un’attività sia potenzialmente dannosa bisogna valutare se questa prometta un contatto con una specie che normalmente non avrebbe a che fare con l’uomo, se questa attività implica che l’animale agisca in maniera innaturale, magari mimando comportamenti umani, se l’animale abbia la possibilità di fuggire senza essere inseguito, ripreso, ritrovato o sostituito, se l’animale sia tenuto sotto controllo mediante contatto, uso di collari, guinzagli, catene o gabbie, se venga usato come mezzo o fonte di intrattenimento, se vi venga consentito di toccarlo, avvicinarlo o avere a che fare con lui senza che abbiate specifiche competenze veterinarie. In questo articolo trovate gli approfondimenti necessari per esplorare meglio il tema e in questo i 10 consigli per un viaggio animal cruelty free.

Turismo Etico: Scimmia a Kathmandu-Nepal

  • Qual’è la differenza tra interazione casuale e forzata? L’interazione casuale è quella che avviene naturalmente, dunque con animali liberi in grado di non mostrarsi e/o di fuggire. Certamente è più rischiosa, perciò affidatevi a guide locali esperte, e richiede impegno e tempo, ma è certamente più emozionante vista l’incertezza dell’incontro. L’interazione forzata avviene in un contesto in cui la presenza dell’animale è garantita, ad esempio nei così detti “santuari” degli elefanti in Thailandia, in cui è consentito l’avvicinamento, o peggio il contatto, previo pagamento, senza che l’animale possa fuggire o agire naturalmente.
  • Come posso ridurre l’impatto ambientale? Per ridurre l’impatto ambientale in viaggio è necessario impegnarsi a consumare cibo locale e di stagione, prediligere spostamenti via terra o mare, non produrre rifiuti in maniera sconsiderata ed evitare qualunque attività non rispettosa della natura. Per le escursioni è consigliabile affidarsi a guide locali certificate.
  • Posso prendere gli aerei? Ni. Per il momento l’ideale sarebbe ridurre il più possibile l’uso degli aerei, poiché possiedono un alto tasso di inquinamento. Sicuramente è bene evitarli per gli spostamenti interni all’estero e nel proprio paese, salvo emergenze ovviamente. In questo articolo troverete i dovuti approfondimenti.

Popolazione 

  • Come faccio ad avere contatti con i locali? Semplicemente viaggiando. Evitate tutte quelle attività che stereotipizzano i tratti culturali e ne fanno spettacolo. Cercate invece ciò che fanno i locali, frequentate i luoghi meno turistici e prediligete strutture gestite da persone del posto.

cambogia

  • Cosa sono gli Human zoo? Gli zoo umani sono un insieme di attività, spettacoli ed interazioni in cui viene esibito un gruppo etnico o un particolare tipo di persona in cambio di denaro. Un esempio è costituito dalla popolazione dei Kayan, volgarmente note come donne giraffa, i quali vengono usati come intrattenimento turistico, e vivono sotto ricatto essendo impossibilitati a lasciare i “villaggi” in cui sono raggruppati e/o a cercare lavoro al di fuori del settore turistico. Se volete approfondire la questione dei Kayan, vi consigliamo questo libro splendido di Martino Nicoletti. “Lo zoo delle donne giraffa”.
  • Come comportarsi di fronte ad una chiara violazione dei diritti umani? Questa è una questione davvero delicata. Intervenire o non intervenire? Non è semplice, davvero. Intervenendo s rischia di complicare o peggiorare la questione, non agendo ci si sentirà complici. Il nostro consiglio è quello di contattare le autorità o, nel caso siano esse responsabili dell’abuso, di rivolgervi alle ONG o alle organizzazioni internazionali attive sul territorio. Sarebbe altresì fondamentale viaggiare con una mente allenata a sospende il giudizio, in modo che non si sviluppi la tendenza a giudicare la cultura che si sta visitando con parametri nati al di fuori di essa ed estremamente localizzati. Se avete voglia di approfondire questo tema, qui trovate una nostra riflessione in merito. Nel caso in cui siate testimoni di comportamenti violenti, lesivi della dignità umana, pericolosi, denunciateli, sempre.
  • Se un’attività è proposta dai locali va sempre bene? Purtroppo anche i locali sono spesso coinvolti in attività lesive, dannose o pericolose. Non prendendovi parte e diffondendo il messaggio qualora ci capitaste per errore o ingenuità eviterete ad altre persone di commettere il vostro stesso errore. Cambiando la domanda si influenza l’offerta e si modifica il mercato. Le vostre scelte hanno il potere di cambiare il mondo.

Economia

  • Cosa significa supportare l’economia locale? Significa assicurarsi che il denaro speso non venga reindirizzato al di fuori del paese o trattenuto nelle casse di chi gestisce attività e strutture.

Economia Locale in un mercato Indiano

ONG & no-profit

  • Cosa sono le ONG? Le Organizzazioni Non Governative sono organizzazioni indipendenti dagli stati e senza fini di lucro che svolgono attività importantissime per la diffusione dei diritti umani, la loro rivendicazione, il supporto e la tutela della popolazione mondiale. Queste organizzazioni sono fondamentali poiché permettono di aiutare concretamente i gruppi più a rischio, consentono di conoscerne i problemi e si impegnano a portarli alla ribalta delle grandi organizzazioni internazionali come l’Onu. Esse inoltre sono impegnate nel monitorare gli stati onde evitare che le violazioni passino inosservate, presentano rapporti sull’andamento dei singoli paesi e denunciano le violazioni.
  • Perché è importante avere a che fare con le no-profit o le ONG? Molte di queste organizzazioni aiutano le persone ad emanciparsi da situazioni di schiavitù, violenza o discriminazione e permettono loro di ricostruirsi una vita. In Cambogia abbiamo avuto il piacere di avere a che fare con Daughters of Cambodia,un’associazione che aiuta le vittime della schiavitù sessuale ad emanciparsi e sfuggire alla prostituzione cui spesso sono costrette sin da bambine. In questo articolo trovare il racconto della nostra esperienza, per noi è stato davvero commovente e ci farebbe piacere che lo leggeste!
  • Perché alcuni governi odiano le ONG? La risposta è semplice, per lo stesso motivo per cui odiano la stampa, ovvero perché, essendo slegate da interessi statati, sono più oneste e franche nel mostrare le violazioni dei governi. Aizzare l’opinione pubblica contro di esse permette ai governi di screditarle e di deresponsabilizzarsi.

kathmandu

Altre domande

  • Come rendere più sostenibile il mio bagaglio? Semplicemente evitando sprechi in termini di peso, prediligendo acquisti sostenibili e organizzandovi con prodotti che vi permettano di evitare sprechi in loco. Qui trovare il nostro articolo per uno zaino/valigia sostenibile.
  • Essere vegani c’entra qualcosa? Sì, il veganismo fa la differenza. Non consumare prodotti di origine animale è il primo passo per distruggere quel disumano meccanismo di sterminio e tortura del bestiame, nonché di lottare contro l’inquinamento dell’allevamento intensivo che da solo genera il 14% dell’inquinamento globale.
  • Devo essere sostenibile anche a casa? Certo! La sostenibilità non può essere messa in pausa come non può essere realizzata tutta insieme. Cercare di sviluppare uno stile di vita sostenibile è importante per il pianeta e chi lo abita ed è cruciale per garantire alle generazioni future una vita dignitosa, magari piena di viaggi meravigliosi.
  • Voi siete al 100% sostenibili? No, assolutamente no. Abbiamo ancora tanto da migliorare e ci teniamo ad essere trasparenti su questo. Siamo certamente più sostenibili della media e il nostro rientra nella categoria degli stili di vita più sostenibili. Possiamo e vogliamo migliorare ancora, la sostenibilità non è una gara o un business, è una ricerca ed un impegno costante da raggiungere a 360° e non solo negli aspetti più semplici o comodi. Detto questo, è importante cominciare, magari con quel famoso piccolo passo, senza aver paura di stare andando incontro a chissà quali rinunce, al contrario, si tratta solo di conquiste, per voi, per il pianeta, gli animali e gli altri abitanti del mondo.

Speriamo che queste FAQ vi siano state utili! Se avete altre domande cui non abbiamo risposto scrivetecele in un commento e le aggiungeremo più che volentieri!

Grazie per il tempo ragazzi, per noi significa tantissimo che siate qui a leggere questo articolo!

{"slides_column":"3","slides_scroll":"1","dots":"true","arrows":"true","autoplay":"false","autoplay_interval":"2000","speed":"300","rtl":"false","infinite":"true","blogdesign":"design-1"}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *